• ATTENZIONE: NON SI EFFETTUANO DIAGNOSI NE’ VALUTAZIONI CLINICHE. PER TALI MOTIVI RIVOLGERSI DIRETTAMENTE AI CENTRI SPECIALIZZATI APPOSITI E/O AI PROPRI MEDICI DI RIFERIMENTO.

  • Le domande ripetute o uguali non riceveranno nuovamente risposta. Se rimangono dubbi o perplessità riguardo i quesiti posti, si prega di contattare direttamente i nostri operatori telefonici allo 06 4746031 da lun. al ven. dalle ore 9.00 alle ore 16.00.

*** *** ***

 

-Il mio compagno è sieropositivo e siamo una coppia sierodiscordante. Stiamo insieme da 7 anni e non abbiamo mai avuto rapporti non protetti. Vorremmo avere un figlio e alla luce degli studi u=u abbiamo chiesto consulenza all’infettivologa che segue il mio compagno, la quale non ci ha rassicurati sulla sicurezza del concepimento naturale, ma non ci ha neanche orientato relativamente modalità di concepimento alternative, poiché non sono praticate all’interno della struttura.  (16 Luglio 2021)

L’infettivologa conosce la situazione clinica del suo compagno per poter esprimere un parere. Ciò non esclude che possiate chiedere maggiori approfondimenti alla stessa o ad altri specialisti che possano poi indirizzarvi ai centri di pertinenza.

 

-Sono un uomo con HIV contratta nel maggio 2018 e non rilevabile a settembre dello stesso anno. Prendo regolarmente la terapia e analisi sempre nella norma (hiv non rilevabile). Con la mia compagna stiamo pensando di avere un figlio e vorrei sapere se questo è possibile con metodo naturale o se ci sono dei rischi? (25 Novembre 2020)

Le persone con HIV con carica virale persistentemente non rilevabile possono scegliere di avere figli in modo naturale in considerazione del rischio pressoché nullo (“inesistente” o “insignificante”) di trasmissione al/alla partner e al nascituro.

Per la sua situazione specifica si affidi inoltre alle indicazioni dell’infettivologo dove è in cura.