• ATTENZIONE: NON SI EFFETTUANO DIAGNOSI NE’ VALUTAZIONI CLINICHE. PER TALI MOTIVI RIVOLGERSI DIRETTAMENTE AI CENTRI SPECIALIZZATI APPOSITI E/O AI PROPRI MEDICI DI RIFERIMENTO.

  • ATTENZIONE: poichè molte domande riguardano lo stesso tema soprattutto l’attendibilità al test e il suo periodo finestra, Vi preghiamo di leggere le risposte già fornite per permettere ad altre domande di contenuto diverso di avere una risposta più veloce. 

  • Le domande ripetute o uguali non riceveranno nuovamente risposta.Se rimangono dubbi o perplessità riguardo i quesiti posti, si prega di contattare direttamente i nostri operatori telefonici allo 06 4746031 da lun. al ven. dalle ore 9.00 alle ore 16.00.

*** *** ***

 

-Sono un ragazzo eterosessuale di 31 anni. Ho iniziato da poco ad avere rapporti sessuali con prostitute e prima d’ora non avevo una vita sessuale molto attiva. Uso ed ho sempre usato il preservativo (un paio di volte si è rotto), ma capita di fare sesso orale scoperto o baciare alla francese ragazze che ritengo a basso rischio (non prostitute comunque). Vorrei sapere se, nel mio caso, nonostante l’età, sia utile il vaccino contro il papilloma virus. Inoltre riguardo al vaccino in oggetto vorrei sapere se quello nonavalente può essere somministrato insieme al vaccino contro il tetano e se è meno efficace se fatto alla mia età (14 Febbraio 2020)

Può fare senz’altro il vaccino presso il centro di vaccinazioni adulti della Asl, e sarà a pagamento. I colleghi vaccinatori le indicheranno eventuali interazioni.

 

-Ho avuto un rapporto non protetto da attivo con un ragazzo e mi sono accorto che il ragazzo alla fine aveva sanguinato, vorrei fare un terapia post espositiva. Mi aiutate? (19 Gennaio 2020)

IN CASO DI EVENTI CHE ABBIANO COMPORTATO UN POSSIBILE SCAMBIO DI LIQUIDI BIOLOGICI POTENZIALMENTE INFETTIVI si raccomanda di rivolgersi ad un medico il quale potrà fare una valutazione esatta; in ogni caso, l’infettivologo, dopo una attenta valutazione tramite counselling, deciderà se proporre o meno la somministrazione della terapia.

La PEP è efficace solo se assunta entro 72 ore (preferibilmente 1-4 ore dopo l’evento a rischio) e può essere richiesta in qualsiasi centro pubblico munito di reparto di malattie infettive, con accesso tramite Pronto Soccorso. Prevede un test HIV all’inizio (tempo zero), dopo i 28 giorni di terapia farmacologica, e si conclude con un test definitivo a 40 giorni (se di quarta generazione) o a 90 giorni (se test di terza generazione) dal termine della PEP.

-Dopo aver scoperto la positività all’hiv, ho iniziato la terapia antiretrovirale a base di triumeq. Sto assumendo il farmaco da circa un mese. Tra gli effetti collaterali del farmaco si sta verificando una massiccia perdita di capelli. Mi sa dire se è un effetto temporaneo, se è irreversibile o meno? Segnalo che dai test effettuati sul virus e sul mio organismo non ho preclusioni in relazione a tutti i farmaci disponibili. E’ possibile che sostituendo il farmaco venga meno anche tale indesiderato effetto? (12 Novembre 2018)

Lo segnali direttamente all’infettivologo che la segue, che conosce il suo quadro clinico e potrà darle indicazioni adeguate a Lei.

 

NON SI EFFETTUANO DIAGNOSI NE’ VALUTAZIONI CLINICHE. PER TALI MOTIVI RIVOLGERSI DIRETTAMENTE AI CENTRI SPECIALIZZATI APPOSITI E/O AI PROPRI MEDICI DI RIFERIMENTO.

 

-Ho appena sentito che esiste una terapia che consiste in una iniezione al mese è vero? (18 Ottobre 2018)

Il trattamento di cui parla è in regime sperimentale e non è ancora regolamentato da nessun paese.

 

-Il vaccino contro il Papilloma Virus è sicuro ed efficace?

Il vaccino è efficace nel 98% delle persone immunizzate con controlli al momento a dieci anni dalla vaccinazione. Esso è diretto contro i principali ceppi causa dell’infezione virale da HPV. La vaccinazione è raccomandata per le adolescenti tra 12 e 14 anni fino ai 18 anni. La vaccinazione è gratuita per le ragazze fino a 14 anni e consiste in tre iniezioni che vanno effettuate al tempo 0, dopo un mese e dopo sei mesi.

 

– Esistono vaccini curativi contro l’Herpes?

Al momento non esistono vaccini efficaci per la prevenzione dell’Herpes Simplex.

Alcuni vaccini terapeutici sono ancora in sperimentazione e sembrano essere parzialmente efficaci nel ridurre la frequenza, la durata e la gravità degli episodi virali. Ci sono poi vaccini terapeutici con virus inattivato che in alcuni soggetti possono ridurre la frequenza e durata della infezione erpetica, tuttavia questi sono consigliati solo dopo esami approfonditi e follow-up dei pazienti da medici con esperienza immunologica. Le associazioni di farmaci antivirali e immunomodulanti sono in fase sperimentale.

 

– Quando va iniziata la terapia antivirale nella malattia da HIV -1?

Le linee guida del 2011 suggeriscono di iniziare la terapia con valori di CD4 < a 500/mm3 indipendentemente dalla replicazione virale. La terapia deve essere iniziata in tutte le persone sintomatiche. Nel 2012 si è registrata una tendenza ad iniziare la terapia in fase più precoce al fine di prevenire un danno immunologico irreversibile. Anche in questo caso l’andamento dei parametri immunovirologici è fondamentale e la terapia va personalizzata da medici esperti perché ogni paziente è un caso a sé. La terapia è anche raccomandata nell’infezione virale acuta, in caso di gravidanza e nella profilassi da esposizione al contagio virale. Ci sono tre opzioni terapeutiche: la prima con Atripla (efavirenz+tenofovir e emtricitabina), la seconda con Azatanavir o Duranavir con booster di Ritonavir, la terza utilizza un inibitore di integrasi (raltegravir). Il monitoraggio deve essere effettuato con impiego di marcatori immuno-virologici classici nelle mani di esperti.